Seleziona una pagina

di Monica Micheli*

Ci siamo passati tutti…

Un tradimento non è mai cosa facile da digerire.

Probabilmente non è nemmeno l’atto pratico in sé di cercare altrove un’intimità che in molti casi non c’è più nella coppia.

E’ la modalità nella quale la totalità dei tradimenti si consuma: tra mille bugie sempre più difficili da nascondere.

Per definizione etimologica, tradire significa consegnare a qualcun altro qualcosa che ci è stato affidato.

Il traditore era colui il quale, per paura della morte, consegnava al nemico i suoi compagni, la sua terra, la bandiera.

Nessuno di noi oggi può dirsi sotto minaccia, quando decide di nascondere una relazione parallela…eppure forse il brivido dell’imprevisto, il richiamo del proibito, l’incapacità di tener fede a un patto (assieme a molti altri e tra i più disparati fattori) sono elementi che prima o poi ci fanno desiderare un’avventura clandestina.

Come sempre, la cosa più semplice sarebbe essere sinceri. Ma è nel contempo la più pericolosa, per il rapporto di coppia.

Vuoi per confini mentali e regole sociali acquisite, non tutti sono ben disposti verso le relazioni aperte…anche se in realtà, come abbiamo dimostrato in questo articolo, non è affatto infrequente.

 

Com’è e come non è, è successo: abbiamo tradito o siamo stati traditi.

E ora?

Dare un colpo di spugna a una storia d’amore magari di diversi anni è forse più difficile che perdonare.

La parte del tradito è la più complicata, in quanto si sommano orgoglio ferito e, in alcuni casi, il senso di colpa per eventuali carenze delle quali ci si fa carico per giustificare in qualche modo il comportamento dell’altro.

Se dall’altra parte c’è la volontà di continuare il rapporto, magari su nuove basi e nuovi accordi, bisogna tenere comunque presente che la sicurezza al 100% che il fatto non si riproponga non ce la può dare nessuno: le decisioni di ciascuno sono imperscrutabili.

Quindi come si può ricostruire un rapporto di fiducia dopo un tradimento?

  1. La comunicazione deve essere leale ed aperta, priva di recriminazioni e rivangamenti. La comunicazione è ascolto e confronto.
  2. Nello stato precedente delle cose, evidentemente ci sono state delle lacune. Insieme, decidete dei nuovi obiettivi comuni e regole condivise.
  3. Andare avanti guardando indietro è molto difficile. Se avete deciso di riprovarci, impegnatevi a vivere il presente, non il passato.
  4. Sentitevi adeguati. Che abbiate fatto un passo falso, cedendo a un desiderio irrefrenabile, o che sia stata tradita la vostra fiducia, non è mai esclusivamente colpa di uno o dell’altro. Ciò significa anche che se l’altro non vi apprezza più per quel che siete, non c’è necessariamente qualcosa in voi che non va. Forse è il momento di pensare se davvero è una relazione che fa per noi…

Tanti altri preziosi consigli professionali ci saranno sicuramente dispensati nel corso dell’evento LOVESEX&FOOD dalla psicologa Nada Loffredi, tra gli ospiti che saranno presenti.

Clicca nei banner qui a lato per saperne di più!

Monica Micheli

Monica Micheli

 

 

Monica Micheli, prima vera esperta di Cucina Afrodisiaca ed Evoluzione Relazionale, owner del web-magazine www.ErosKitchen.com

Scrivici su whatsapp!
Invia