Seleziona una pagina

La carenza di sonno induce danni metabolici e comportamentali

Un tempo erano le serate a fare tardi con gli amici…ora molto spesso sono le scorpacciate di serie tv, il cosiddetto binge-watching.

Il risultato è lo stesso: il giorno dopo si fatica a svegliarsi e ad affrontare carichi di energia e lucidi la giornata.

A nulla serve tentare di recuperare nel week-end: lo dice una ricerca della University of Colorado Boulder.

Nei test, chi dopo aver dormito poco durante la settimana aumentava le ore di sonno il sabato e la domenica ha fatto registrare i peggiori dati per quanto riguarda l’aumento di peso.

Ma non è solo un problema estetico, per così dire: chi dorme poco vede calare la sensibilità all’insulina, che consentirebbe invece un buon assorbimento del glucosio. Di conseguenza aumenta il rischio di sviluppare il diabete.

 

Sono anche i comportamenti sociali a fare le spese della mancanza di sonno: chi dorme poco è meno empatico, tende a non impegnarsi nel sociale ed è irritabile.

Ne consegue che i rapporti umani siano i primi a patirne.

Se parliamo di sesso, poi, le conseguenze possono essere catastrofiche, in quanto le prestazioni sessuali sono strettamente legate alla quantità e qualità del riposo.

Questo perché il calo del desiderio e la carenza di sonno originano in genere dallo stesso problema: lo stress, un vero e proprio anafrodisiaco per qualsiasi amante.

Sono in special modo le donne ad avere maggiori problemi di sonno e, di conseguenza, a sentirsi troppo stanche per il sesso (tenendo presente che per lo stesso motivo anche l’uomo tende ad essere un amante dalle prestazioni non eccellenti).

Una recente ricerca ha rilevato come una sola ora di sonno in più sia di estremo beneficio per la libido, tanto da incrementare del 14% la possibilità di provare un maggiore interesse nei confronti del partner.

Per questo, in particolare alle donne che a causa delle conseguenze della menopausa hanno problemi a riposare serenamente e vedono calare drasticamente il desiderio, si consiglia di ricorrere in primo luogo a rimedi naturali e fitoterapici per agevolare il riposo.

Per una volta, l’antico adagio “chi dorme non piglia pesci” non ha ragione…

Scrivici su whatsapp!
Invia