Seleziona una pagina

Tra le nazioni occidentali, triste primato per il Regno Unito

Più di 165 mila persone al mondo hanno risposto al più grande questionario mai condotto in merito all’utilizzo di farmaci e droghe, il Global Drug Survey.

Nel dettaglio, 22 mila partecipanti si sono soffermati sulle proprie abitudini in merito all’utilizzo di droghe durante gli incontri sessuali.

Il chemsex è una tendenza in crescita, trasversale per età, sesso e orientamento.

Tra le nazioni europee, l’America e l’Australia, è la Gran Bretagna ad attestarsi al primo posto per percentuale di persone che hanno dichiarato di adottare abitualmente tale pratica.

Fare sesso sotto effetto di stupefacenti non è dunque un uso, come si pensava, circoscritto agli ambienti gay e bisessuali, ma decisamente più diffuso.

Il sondaggio, condotto dall’University College di Londra e pubblicato in questi giorni sul The Journal of Sexual Medicine, evidenzia che i messaggi diretti ad avvertire gli utilizzatori di droghe in merito ai rischi derivanti dall’uso delle stesse durante i rapporti sessuali devono parlare ad un pubblico vasto ed eterogeneo.

Overdose, stupro, rischio di contagio da malattie sessualmente trasmissibili non sembrano scoraggiare i praticanti del chemsex, mentre sono gravi rischi altamente probabili.

Il sondaggio è stato svolto esclusivamente online, in modo da consentire la totale privacy ai partecipanti.

Quali sono le sostanze più utilizzate durante il sesso?

L’alcol è in genere ricercato dal 60% di uomini e donne con l’intento di migliorare la propria prestazione sessuale; la cannabis dal 37% degli uomini e dal 26% delle donne; l’MDMA, nota anche come ecstasy, è la droga impiegata dal 15,5% sia di uomini che donne.

Preoccupante il dilagare del GHB, la droga dello stupro, indicata come sostanza più indicata per l’esperienza sessuale dal 10% dei maschi gay e dallo 0,7% di uomini e donne etero, nonostante l’estrema pericolosità della stessa.

 

Scrivici su whatsapp!
Invia